Embolizzazione di varicocele

Cos’è il varicocele?
Il varicocele è una condizione relativamente frequente che generalmente colpisce il sesso maschile durante la seconda- terza decade di vita.
Normalmente il sangue arriva al testicolo tramite un arteria e viene drenato da una serie di piccole vene che confluiscono in una vena di maggior calibro che porta il sangue verso il cuore.
Lungo il decorso di questa vena sono presenti delle valvole unidirezionali che fanno progredire il sangue verso il cuore e che ne impediscono il reflusso verso il testicolo.
Se queste valvole non funzionano il sangue torna verso il testicolo e le piccole vene aumentano di calibro. Questa condizione, chiamata appunto varicocele, è spesso asintomatica ma può dare dolore o problemi di fertilità.

Sintomi, indicazioni al trattamento e diagnosi del varicocele

Sintomi e Segni del varicocele
Il varicocele può essere asintomatico o avere sintomi modesti.
Il trattamento si rende necessario qualora compaia una delle seguenti situazioni:

Dolore:
Uno dei segni del varicocele è un dolore localizzato al testicolo che compare o si acuisce dopo lungo tempo in piedi o seduti dovuto all’aumento della pressione nelle vene del testicolo.
Spesso ma non sempre tale sintomatologia è accompagnata da aumento di volume del testicolo.

Problemi di Fertilità
Esiste un associazione tra varicocele ed infertilità anche se spesso risulta difficile stabilire con certezza se nel singolo specifico caso il varicocele sia la causa dei problemi di fertilità. In diversi studi è stato osservato che il 40% degli uomini con problemi di fertilità avevano varicocele. Segni di varicocele sono: ridotto numero di spermatozoi; ridotta motilità e presenza di forme atipiche.L’esatto meccanismo con cui il varicocele determina infertilità non è noto. Una delle ipotesi più avvalorate sostiene che l’aumento della temperatura del testicolo dovuta al varicocele alteri la produzione di spermatozoi.
È stato osservato che il 50% -70% dei soggetti con infertilità hanno un aumento della quantità/qualità della produzione di sperma se si sottopongono a trattamento del varicocele.

Atrofia testicolare
L’atrofia( riduzione del volume) testicolare è un altro segno del varicocele tipicamente dell’età adolescenziale. La diagnosi viene sospettata in caso di asimmetria delle dimensioni dei due testicoli. Una volta eseguito l’intervento il testicolo in molti casi torna delle normali dimensioni.

Diagnosi
Il varicocele può essere sospettato all’esame fisico per l’aumento di volume del testicolo e per la consistenza. Varicoceli di dimensioni importanti possono dare dilatazioni venose visibili anche sulla cute stessa del testicolo. Quando i sintomi del varicocele non sono evidenti è possibile fare la diagnosi con una metodica non invasiva chiamata color-doppler durante una normale ecografia.

Opzioni per il trattamento del Varicocele
Il trattamento tradizionale del varicocele è quello chirurgico eseguito generalmente dal chirurgo urologo. In anni più recenti si è avuto lo sviluppo di un trattamento alternativo ,non chirurgico, di ormai provata efficacia e sicurezza tanto da divenire opzione di prima scelta chiamato embolizzazione percutanea.

Chirurgia del Varicocele
La chirurgia del varicocele viene in genere eseguita in anestesia generale o nei pazienti ambulatoriali in anestesia locale. In questo tipo di trattamento il chirurgo incide la cute al di sopra dello scroto o a livello del fianco e taglia i tessuti fino ad esporre le vene. Le vene dilatate vengono legate o strappate per deviare il flusso di sangue nelle vene normali. Raramente questo intervento viene eseguito per via laparoscopica ( mediante una piccola incisione cutanea viene introdotto uno strumento che consente il passaggio di una telecamera o di ferri chirurgici). Il tempo di recupero varia a seconda del tipo di chirurgia ma in genere occorrono da 4 a 6 settimane prima di essere in grado di fare attività fisica pesante come sollevare pesi. Attività fisica moderata può invece essere ripresa in tempi più brevi.

Embolizzazione del Varicocele
L’ embolizzazione del varicocele è una procedura ambulatoriale che viene eseguita in anestesia locale.
In questo tipo di trattamento un piccolo catetere viene inserito in una vena del braccio o dell’inguine attraverso una piccolo foro che viene praticato sulla cute. La cute viene addormentata con anestetico locale ed in questo modo non si avverte dolore. Il catetere viene portato sotto guida di raggi X. in modo indolore all’interno del sistema venoso fino alle vene dilatate del testicolo. Successivamente si inietta del mezzo di contrasto che consente di visualizzare le vene del testicolo. Infine sostanze embolizzanti o piccole spirali metalliche vengono rilasciate all’interno delle vene che vengono chiuse in modo da bloccare il flusso di sangue.L’intera procedura ha una durata di circa 20 min.Una volta rimosso il catetere non sono necessari punti di sutura. Il paziente viene tenuto in osservazione per alcune ore e dimesso il giorno stesso.
Il tempo di recupero dall’intervento è di alcune ore ed il paziente in genere riprende la sua normale attività lavorativa il giorno successivo alla procedura.

Rischi e complicanze dell’embolizzazione del varicocele
I rischi della procedura sono bassi .
– Reazioni allergiche al mezzo di contrasto,all’anestetico locale o alla sostanza sclerosante sono eventi molto rari. Nei pazienti con storia di reazioni allergiche viene somministrata una terapia specifica preparatoria all’intervento
– Reazioni locali del testicolo come gonfiore, arrossamento e sensazione di dolore. Si possono verificare dopo l’intervento e si risolvono in pochi giorni con terapia antinfiammatoria.
– Sanguinamento dovuto a rottura traumatica di una vena. Evenienza molto rara che si autolimita nella maggior parte dei casi. Vantaggi dell’embolizzazione del varicocele I vantaggi del trattamento di embolizzazione del varicocele possono essere cosi riassunti:
Stessa, se non maggiore, efficacia del trattamento chirurgico tradizionale in termini di riduzione del dolore e aumento della fertilità.
Non richiede esecuzione di incisioni chirurgiche e della anestesia generale.
Minore tasso di complicanze rispetto alla chirurgia tradizionale.Non sono state riportate infezioni dopo embolizzazione.
Richiede minore tempo di ricovero. Anche pazienti che svolgono attività lavorativa fisicamente pesante possono tornare a lavorare nei primi giorni dopo la procedura.
Minore tasso di recidiva del varicocele rispetto alla chirurgia tradizionale.

Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti. Per maggiori informazioni consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.